Esistono vari modi di portare avanti i nostri ragionamenti, di analizzare le cose. Aristotele parlava di metodo induttivo e metodo deduttivo. Sicuramente quello che porta a conclusioni vere, perchè non legato al concetto di probabilità, è il metodo deduttivo. Vediamo un po’ come funziona.

Il ragionamento deduttivo è quello che più comunemente diciamo che parte dall’universale per giungere al particolare. Esso ha una sua formulazione e segue delle tappe ben precise: la prima è quella della formulazione della teoria, la seconda è la formulazione di ipotesi specifiche, la terza consiste nelle osservazioni, la quarta ed ultima nella verifica delle ipotesi.

Teoricamente consiste nel partire da una premessa di carattere generale e da un caso che rientra nella categoria e giungere quindi ad una conclusione che secondo noi ne consegue logicamente. Ad esempio se parti dalla considerazione “tutte le uova sono ovali” (premessa di carattere generale) e riferendoti ad un caso particolare dici “questo è un uovo” (caso appartenente alla categoria), la tua conclusione sarà “questo uovo è ovale”.

A differenza del metodo induttivo, quando seguiamo questo ragionamento, se partiamo da premesse vere anche le conclusioni saranno vere. Non a caso anche il famoso sillogismo aristotelico è basato sul metodo deduttivo. Sarebbe opportuno quindi nei vostri ragionamenti partire sempre dalla teoria per arrivare ad una conclusione verificata e non viceversa.